lunedì 28 maggio 2007

libera libellula


Non sospettavo di avere così tanta paura degli insetti. Soprattutto non pensavo di averne così tanto schifo fino all'altra sera quando rientrato in casa in compagnia della mia ragazza ho scoperto la presenza in ingresso di una libellula.
Il simpatico animaletto si è fatto individuare grazie al tremendo ronzare delle sue ali poderose e mi ha di fatto costretto in ostaggio in camera da letto fino alla mattina sucessiva. La cosa divertente è che sembravo realmente una checca impaurita, ma lo schifo nei confronti dell'innocuo insetto era troppo grande per riuscire a scacciarlo.
L'indomani sono riuscito dapprima a segregarlo in cucina (rinunciando alla colazione), poi con spregio del pericolo mi sono avvicinato alla finestra e l'ho aperta ma l'animale stupido invece di andarsene si è posizionato tra il vetro e la tenda della finestra.
Lì è rimasto fino a che, in preda ad un colpo di genio non ho fatto vento aprendo e chiudendo ripetutamente la porta ed il movimento della tenda dovuto alla corrente ha costretto il mostro a spostarsi e quindi finalmente a trovarsi innanzi alla finestra aperta.
Resta il fatto che il disgusto per gli insetti mi ha accompagniato per almeno 24 ore nelle quali sono scappato di fronte al più insulso moscerino.

Nessun commento: