mercoledì 19 dicembre 2007

spaghetti thrasher


Come avevo avuto modo di dire un paio di giorni fa ho trascorso la serata di ieri al Nota Bene Live di Rapallo assistendo ad una performance live dei miei amici Loculo.
Presenti circa 35-40 persone quasi tutte venute per il concerto. La performance è stata ottima e complice il locale raccolto si è creata una grande atmosfera.
Mi sono sinceramente divertito e devo ammettere che i Loculo sono cresciuti nettamente dal punto di vista tecnico ed ora sono molto meno grezzi. Mi fa molto piacere vedere come i loro sforzi si stiano lentamente ripagando.

martedì 18 dicembre 2007

31


Gaudio, gaudio oggi è il mio compleanno.

In verità non ricordo di un solo mio compleanno che possa dire di aver trascorso felicemente, ogni anno ce n'è una.
Questo non fa difetto che c'ho una colite fortissima (penso dovuta al freddo incontrato per andare a cercare di comprare i regali di natale).
Vabbeh per fortuna tra una settimana è natale.

"Pascite ut ante boves!"

lunedì 17 dicembre 2007

loculo o lo culo?..




Visto che domani sera con ogni probabilità assisterò ad una loro nuova performance live mi sembrava giusto dare il mio contributo di visibilità (minima) ai miei cari amici loculo.
Queste immagini si riferiscono ad un concerto dell'anno scorso al ghost che mi vedeva presente.
Quanti volessero approfondire possono cliccare quì. Tutti siete invece invitati a lasciare un commento sul loro possente impatto dal vivo.

Che altro aggiungere se non che aspetto da troppo la pubblicazione del loro primo live album: "loculo live in loano"!!!

giovedì 13 dicembre 2007

black commedy (P.Shaffer)


Nonostante il titolo possa far pensare a qualcosa di macabro, Black Commedy è una allegra e scanzonata (a tratti anche sgangherata) commedia degli equivoci.
Alla base di tutto un interessante espediente scenico, l'illuminazione della scenografia è opposta a quella della realtà rappresentata. Fino a che i fatti si svolgono alla luce delle lampadine la scenografia è al buio, ma quando sopravviene un black-out viene illuminata a giorno permettendo agli spettatori di vedere i personaggi muoversi a tentoni tra i vari ambienti. Quando qualcuno accende un fiammifero o un accendino ecco sopravvenire la penombra.
L'idea è brillante e da ampio spazio alla creazioni di situazioni comiche. La sceneggiatura comunque ne sa approfittare solo in parte preferendo spesso scivolare su battute e situazioni un po' grossolane.
Gli attori offrono un discreto servizio all'opera, soprattutto per mezzo dei loro corpi che spesso urtano, inciampono e ruzzolano e la recitazione è seppur caricata coerente e piuttosto azzeccata ai personaggi.
In definitiva una buona ora e mezza di evasione senza troppe pretese.

martedì 11 dicembre 2007

italian style (all'estero dico di essere tedesco!)...


Al motorshow ho avuto occasione di trovarmi immerso in una folla di compatrioti di varia estrazione e provenienza. E' stata una buona occasione per fare due osservazioni sul comportamento dell'italiano medio.
Quello che emerge ahime è che le principali caratteristiche nostrane sono:
  1. La caccaraggine
  2. La maleducazione
E' stato veramente terribile notare poi come le due caratteristiche citate si acuiscano poi notevolmente al diminuire dell'età.

Vediamo la cosa un po' più in dettaglio

La caccaraggine
Maledetta sia Maria De Filippi ed il suo uomini e donne che hanno sdoganato quello stile d'estrazione romana dove conta esibire e basta all'insegna del più è grosso meglio è. Non importa che certi occhiali da sole, certe cinture, berretti o magliette siano orrendi, quello che conta è che sopra ci sia il logo giusto (Fendi, Gucci, D&G, ecc).
Certo che se oggi i modelli di eleganza sono i calciatori siamo proprio rovinati.
Il peggio poi al motorshow lo davano le ragazze che, forse dovendo difendersi dalle modelle negli stand proponevano per lo più un look da strappone chiatte.

La maleducazione
Riuscire a fare una foto senza che qualcuno ti passi davanti è stata un'impresa. Vince la regola del più strafottente. Poi se per disgrazia involontariamente intersechi la foto di qualcuno capita di sentirsi dire "Ah bello levate de mezzo"!!
E poi la ressa, nessuno che faccia niente per evitare di andare addosso agli altri o per agevolare il passaggio. Ho visto alcuni poveri (in questo caso si) individui su sedia a rotelle venire travolti dalla marea e costretti per decine di minuti in un canto.

Insomma citando il titolo se questo è lo stile italiano allora tanto vale fingere di non essere tali.

motorshow bologna..


Lo scorso weekend sono andato a Bologna, e visto che questa mia visita coincideva col primo weekend della manifestazione non mi sono lasciato certo scappare l'occasione.
Una vera figata. Mi sono divertito come un bambino a salire e scendere su tutte le macchine a disposizione e a raccattare depliant e gadget. Ovviamente visto il mio gusto ho privilegiato il segmento A e B e dato poca attenzione alle macchine sportive o superlusso (del resto difficilmente accessibili per effetto della ressa).
Se volete vedere un po' di macchine a caso tra quelle che ho fotografato cliccate qui.
Purtroppo visto il tempo a disposizione ed il clima non molto favorevole ho dovuto un po' snobbare le aree all'aperto dove si poteva assistere a gare di vario tipo (dalla formula renault alle moto) , partecipare a lezione di guida sicura o fare i passeggeri su un 4x4 su un percorso degno di Gardaland.

Aggiungo ancora due note a quanto detto fin qui:
Le modelle: molti stand oltre alle macchine mettevano in mostra modelle extralusso mentre altri forse meno legati all'immagine ma più accoglienti dispiegavano sul campo un buon numero di giovani ragazze più o meno carine. La cosa + divertente è stata vedere come molti dei presenti se ne fregassero completamente delle macchine preferendo fare collezione di foto in compagnia del maggior numero di signorine. Passi per i ragazzini, ma quando si vedono persone di 50 anni appoggiare le loro mani sudate sulla spalla di una giovane di 20 a me vengono i brividi.
Il ristoro: sarò io genovese ma pagare due bibite e due hot dog (per altro maffissimi) qualcosa come 17 € si configura come circonvenzione d'incapace (o di appetente).

lunedì 3 dicembre 2007

vandali dello spazio (J.Vance)


Vance con questa sua opera ci porta al centro della fantascienza d'evasione, nel reame dei viaggi spaziali. La storia è in realtà solo il primo tempo di un'epopea galattica in due parti.
Quello che viene proposto ai lettori è il viaggio scanzonato del Glicca lungo le tratte commerciali dei mondi esterni della dominazione Gaenica. Sebbene tutti i mondi siano abitati da umani o loro derivati ciascuna etnia offre una differente impostazione sociale. Il tutto viene servito con ampio uso di ironia e non sense e non c'è da meravigliarsi davvero molto se la storia ci conduce in posti come una conceria di pelli umane o una locanda dove i suonatori chiedono soldi per smettere di suonare male.
A fare da trait-d'union all'intera vicenda è l'equipaggio della nave, un capitano burbero e assorto, un cuoco filosofo, un capo meccanico giocatore professionista ed il protagonista Myron Tany che altro non è che un damerino scacciato dalla nave della zia.

delirium pes..


Guardate un po' cosa ha combinato un mio compagnio di squadra (il buon scicchi) un giorno che era in mutua. Doveva avere la febbre decisamente alta, il valbrevenna che batte genoa e real madrid è decisamente oltre il delirio.
Speriamo che si mantenga il più possibile in salute sennò chissà cosa diavolo tira fuori.