mercoledì 25 luglio 2007

buona apocalisse a tutti (T. Pratchett, N. Gainman)


Due grandi dell'ironia e del non-sense britannico portano il lettore a spasso per un mondo dove l'assurdo diventa reale senza troppi problemi. Si tratta di una avventura corale, a cui tutti i personaggi concorrono in modo vario e bislacco fino al compimento dell'ineffabile piano.
La storia inizia a pochi giorni dall'armageddon e vede un angelo ed un diavolo allearsi per allontanare l'apocalisse e preservare l'umanità ancora per qualche tempo. Ma ingannare l'ineffabile non è facile e le due burocrazie, celeste e luciferina muovono i loro ingranaggi verso la battaglia finale. Oltre a ciò a causa dell'errore di una suora satanista le due compagini ultra-terrene hanno perso di vista l'anticristo che è cresciuto isolato dalle influenze di bene e male. In tutto questo i quattro motociclisti dell'apocalisse si ritrovano e si dirigono verso il luogo ove risiede l'anticristo.
La cosa divertente è che tutto quello che succede, è successo o sta per succedere è già stato scritto da una strega nelle proprie profezie, profezie grazie alle quali tutta una schiatta di discendenti professionisti è riuscita a campare più che dignitosamente senza troppo faticare. Purtroppo il libro è più sfuggente di una anguilla e passa di mano in mano fino alla fine quando l'inevitabile piano dell'ineffabile si compie.

Citazione di merito per l'insopportabile Metatron (portavoce di Dio).

Nessun commento: