giovedì 26 giugno 2008

hulk (ancora lui)..



L'ultima incarnazione del bestione verde è certamente molto più ispirata e credibile di quella precedente (firmata Ang Lee) dove ogni cosa sembrava essere sullo schermo solo per dare fastidio.
Per carità, non siamo di fronte ad un capolavoro della cinematografia ma per un film basato su un fumetto supereroistico (invero molto poco realistico) siamo su un livello discreto.
Addirittura il primo tempo del film, ambientato in una favela brasiliana è di qualità superiore alla media di buona parte dei film d'azione con un ottimo ritmo e parecchi spunti. Naturalmente nel secondo tempo si trascende un po' ed il film arranca dietro a quella macchietta del soldato mercenario destinato a diventare Abominio e si intestardisce in lunghe e poco significative (vista l'invulnerabilità del personaggio) sparatorie.
Si tratta di peccati non veniali ma forse obbligatori per un film del genere.
Apprezzabile a mio avviso il design di Hulk e buona la sua animazione (anche se in iron man la CG risultava un po' meno finta, forse anche solo perchè il ferro di una corazza è inerte mentre una pelle verde non lo è).
Insomma consigliato agli amanti del genere ed un filo meno al pubblico mainstream.

Nessun commento: