mercoledì 4 giugno 2008

la taverna delle ombre (C. Robb)..



La scozia ai tempi dell'invasione di Edoardo Gambelunghe e della resistenza guidata di William Wallace non doveva essere un posto fantastico dove vivere. La storia di questo libro si svolge in una Edimburgo resa tetra non solo dalla bruma ma anche dall'occupazione inglese.
La giovane Margerite si mette ad indagare sulla sparizione del marito e sulla morte del cognato e nel farlo si trova intrigata in trame più grandi di lei tese a sostenere questo o quell'altro principe scozzese e fomentare l'insurrezione.
La scelta di un protagonista femminile è audace ed inusuale ma limita un po' lo spettro d'azione poichè per quanto eroica e determinata una donna a quei tempi era assogettata ad una società prettamente maschilista. Così la trama si dipana maggiormente attraverso una successione di incontri tra i personaggi e dialoghi che attraverso accadimenti dinamici.
Devo dire di aver apprezzato maggiormente l'autrice in altri romanzi piuttosto che in questo dove stante una ottima capacità di rendere l'ambientazione la storia stenta a trovare il giusto ritmo.

Nessun commento: