giovedì 22 gennaio 2009

timeline (M.Chricton)


Generalmente i romanzi dell'autore, da poco scomparso, fanno buona presa su di me per la narrazione snella e veloce e per la leggerezza con cui anche le cose più improbabili sono ammantate di possibile.
Questo libro tuttavia non mi ha convinto del tutto. In esso è narrata la storia di 3 archeologi mandati indietro nel tempo, per mezzo di una macchina ad effetto quantistico, in grado di far muovere le persone attraverso il multiverso. Scopo della missione dei 3 giovani è recuperare il loro professore andato disperso in un precedente viaggio.
Quello che non convince è la mancanza di un tentativo decente di risolvere i paradossi che un viaggio fantastico di questo tipo può creare. L'enfasi resta tutta sui risvolti divertenti ed avventurosi della storia, quasi che più che un romanzo ci si trovi di fronte ad uno script per un film.
In definitiva ci sono libri dello stesso autore o dello stesso argomento che sono maggiormente degni di interesse. Non che sia un libro che si fatica a leggere, ma alla fine non lascia che poche tracce.

1 commento:

Luigi ha detto...

Non ho ancora letto gli ultimi due di Chricton (gli altri li ho letti tutti anche quelli che ha scritto con pseudonimi): Timeline è sicuramente il peggiore.